venerdì 2 agosto 2013

Fatou

- Ciao Fatou, come stai?
- Bene bene MaryP, fa molto caldo!
- E com'è andata l'ecografia? Quando è la prossima?
- Ehm c'è scritto... (apre una cartellina che contiene tutte le indicazioni sulla gravidanza) Prossima ecogràfia 18 settembre.
- Ok! Senti, hai più visto Nawa? (la compagna di banco di Fatou al corso di italiano)
- Sì, lei domani viene qui alle sei, forse! 
- Oh che bello, salutamela tanto! Ma le hai detto del bambino?
- Sì! Lei detto "Che bello, quando festa per bambino io mangiare tanto riso senegalese" ma io ho detto "Nawa, tu devi PREGARE per me, no pensare al riso!"
- Ahah dai Fatou, andrà tutto benissimo vedrai! Arriverà un bambino stupendo!
- Bambina, bambina MaryP.
- Ok, bambina
- Io voglio femmina!!

Fatou, che finalmente riesce a esprimere i suoi sentimenti in italiano.
L'ho vista piangere tante volte e dire "Non ho bocca ma capito tutto! No posso parlare". Finalmente parla. Io non ho fatto niente se non tirare fuori quello che già sapeva, ma è una gioia grandissima.
Fatou, che quest'anno ha affrontato la tragedia di avere il marito disoccupato e di uno sfratto esecutivo.
Fatou, che si è ritrovata con solo un pannolone per il suo bambino, ma che per orgoglio non lo diceva a nessuno.
Fatou, che ogni volta mi invita a pranzo e poi anche a cena, perché oggi c'è da mangiare e domani chissà.

5 commenti:

  1. Sono donne così che tengono in piedi il mondo.

    RispondiElimina
  2. è un ritratto dolce fino alle lacrime.

    RispondiElimina
  3. Lucciconi agli occhi. Persone così ripagano di tutte le frustrazioni :-)

    RispondiElimina
  4. C'è gran bisogno di donne così.
    Bella Fatou!

    RispondiElimina